Francesco Guccini

No, per una volta non gli ho scritto, o meglio, l'avevo fatto mesi fa, quando gli avevo mandato copia di questo articolo. Avevo indirizzato la busta in via Paolo Fabbri 43 a Bologna, dimenticandomi che lui, da tempo, vive in montagna.
In estate, a volte, ci si trova a fare pulizia e si scopre di avere nei cassetti cose dimenticate. È proprio il caso di questi due brani musicali (trasformati in video e caricati su YouTube) che testimoniano due momenti di un concerto di Guccini a Torino, una improbabilissima versione rap de L’avvelenata e una di Autunno con il testo dell’ultima strofa diverso rispetto quello pubblicato su Stagioni ("...e senti la notte incombente/e lasci vagare la mente/al niente, temuto e aspettato/sapendo che questo è il tuo autunno/che adesso è arrivato") .
Un giorno o l’altro scriverò nuovamente a Guccini, anche solo per dirgli grazie o per fargli sapere dell’anonimo che, a Quarto D’Altino, in provincia di Venezia, ha trasformato “Via G. Puccini” in “Via G. uccini”. In attesa, buona visione.

L'avvelenata (rap)


Autunno

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Altra Enigmistica

Gianrico Carofiglio

Antonio Caprarica