Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2010

Corsari

Dapprima sono venuti i Racconti, citazione degli scritti di Pasolini presi a punto di riferimento. E con essi un concorso arrivato alla quinta edizione. Il bando del nuovo anno è appena stato pubblicato e presenta interessanti novità: una nuova sezione, quella dei viaggi, che si affianca a quelle già presenti gli anni passati (a tema libero tra i 12 e i 18 anni, over 18, sul Piemonte e sullo sport). Ma anche due categorie autonome, una sulle fiabe e una che vuole premiare il miglior articolo di cultura pubblicato dai principali giornali locali.
Dal settembre scorso, da una costola del concorso, è inoltre nato il Circolo Letture Corsare, che ha già messo in pista un buon numero di presentazioni letterarie e che si appresta a ospitare, il 18 febbraio prossimo, Paolo Cacciolati, autore del romanzo “La digestione del personale” (TEA).
E visto che la realtà concreta si mescola sempre più a quella virtuale, i corsari non potevano non avere un’identità su Facebook anche grazie al Gruppo Raccon…

John Turturro e il globish

Verrebbe da dire “l’hai fatto anche tu”. No, non è proprio così. Non mi sono mai eretto (espressione orrendamente ambigua) a difensore dell’italiano. Mi piace constatare come la lingua cambi in continuazione e soprattutto mettere in evidenza la follia di una fornace sempre accesa che genera espressioni di cui nessuno sente il bisogno.
I principali colpevoli di questa depravazione sono noti a tutti: i politici e i giornalisti, o il cocktail delle due figure. Chi oltre a loro può dare vita a espressioni come “la logica dei due forni” tanto in voga in questo periodo pre-elettorale? Chi, oltre a loro, può sperare non solo di salvarsi dalla giusta lapidazione ma anche di essere osannato per una così orrenda trovata?
In più di un’occasione ho stilato vere e proprie liste di queste formule, che mi sono servite per descrivere gli anni che passano. Mi sembra di aver così rappresentato un (brutto) fatto di costume, quello di appiccicare un’etichetta a qualunque situazione solo per destare l’atten…

Premio Claudia Bortolotti

Immagine
In molti si sono presentati alla premiazione, in parte amici di Claudia, in parte alunni delle scuole coinvolte, ma anche curiosi oltre che partecipanti in attesa del verdetto. A prescindere dalle motivazioni dei singoli, il riscontro è stato davvero ampio: un salone pieno zeppo, con persone in piedi e altre che attendevano di entrare.
Le tre sezioni del concorso (elementari, medie e adulti) hanno accolto un gran numero di racconti, incentrati sul tema del tempo e dell’abbraccio. Non è solo questione di quantità, ma è inutile negarlo: il compito della giuria è molto più divertente se il binomio qualità/quantità viene rispettato. Siamo in primo luogo lettori e la lettura è ancora un piacere.
Giudicare con gli stessi criteri i racconti di un bambino e di un adulto è assolutamente impensabile. Eppure ciò non significa che siano gli scritti dei grandi a essere automaticamente i migliori. Non so come, ma sembra che la fantasia sia una materia che tende a evaporare progressivamente con gli an…

Libri al chilo (2)

Qualche anno fa, quando ancora ero in attesa di veder pubblicato il mio primo libro, girovagavo per un supermercato. “Libri al chilo” segnalava un cartello. Li metti sulla bilancia e capisci quanto ti costerà l’acquisto. Allora mi domandavo se un giorno un mio romanzo sarebbe finito in quella discarica per immondizia letteraria.
Non pensavo a questa eventualità come a un’onta a cui scampare, ma come a un traguardo: per uno scrittore emergente sarebbe stata una grande vittoria. Almeno il libro avrebbe trovato uno sbocco, per quanto triste potesse apparire.
Oggi l’orizzonte è profondamente cambiato: ecco arrivare Google con l’idea di raccogliere in formato digitale intere biblioteche di libri non coperti da diritto d’autore (e anche coperti, già che ci siamo). Uno strumento scomodissimo per chi, come me, legge a letto e vuole assaporare il piacere di girare le pagine spostando la carta e non un semplice cursore. Uno strumento indispensabile per chi, come me, si è trovato a dover fare dell…

E arrivò anche il 2010

Generalmente lo faccio a fine anno, o prima di partire per le vacanze. Questa volta ho voluto comunicare così, con qualche libro che vale la pena di leggere. È un augurio, non solo per i loro autori, ma anche per chi vuole dedicarsi a qualche lettura fuori dagli schemi, ma capace di appassionare e divertire.

William Facchinetti Kerdudo - Milano, misteri e itinerari insoliti tra realtà e leggenda
Storie Cattive - Mario Cattarulla
Alessandro Del Gaudio - KYOKO MON AMOUR

e infine AA.VV. – Turin Tales, una raccolta di racconti ambientati nei caffè di Torino, molto diversi per soggetto, tempo e sensibilità dei rispettivi autori. Eppure tutti legati da un comune denominatore: la passione per una città capace di regalare spunti e storie con una ricchezza difficile da eguagliare. Tra l'altro, alla raccolta partecipa anche (guarda com’è piccolo il mondo) anche Gianpaolo Castellano.
Buon anno a tutti. (Lo scopo del 2010? Se il 2009 era la sintesi, il nuovo anno avrà come scopo la serenità e non l…