Concorso vignette anti Brunetta

Ipse dixit: Regolamento del concorso (estivo)
Da diverse settimane consultiamo tutti i quotidiani e le riviste in edicola alla ricerca di una qualsiasi vignetta che metta alla berlina il ministro Renato Brunetta e la sua politica di riforma della Pubblica Amministrazione. Invano. Abbiamo così deciso di rivolgerci al Paese per superare questa anomalia senza precedenti. Viene quindi aperto un pubblico concorso aperto a tutti i cittadini che vogliano finalmente disegnare una feroce vignetta satirica contro il ministro e le sue idee.
Vi possono prendere parte anche i dipendenti pubblici, beninteso a condizione che la vignetta sia stata da loro pensata e disegnata durante le ferie, la pausa pranzo o i permessi per malattia.
Le vignette devono essere inviate entro e non oltre il 10 agosto (…). Il suo autore verrà ricevuto e premiato (…) dallo stesso ministro Brunetta. La sfida è quindi lanciata! Pur restando entro i limiti della buona educazione, siate cattivi e pungenti: non ne possiamo più di raccogliere solo consensi….

Il regolamento è, ovviamente, pregno di battutone da far smascellare dalle risate (quelle sull’anomalia senza precedenti e sui consensi ricevuti a palate sono definitive!). Una così succulenta occasione non poteva restare senza seguito: volevate che non mi precipitassi in un internet café per mandare una mail all’Ufficio Stampa del Ministro?

Buon giorno. Sono un dipendente pubblico (seppur comunale) molto interessato a partecipare al concorso delle vignette sul Ministro Brunetta. So che il termine è già scaduto ma, come è indicato nel bando di partecipazione, la vignetta deve essere pensata e realizzata fuori dall'orario di lavoro, a differenza dei nostri amici che lavorano per i privati e possono farlo tranquillamente in ufficio mentre il capo è in vacanza.
Il problema è che ho potuto prendere ferie solo adesso e non ho più tempo per inviare la mia idea. Mi spiace molto. Sarà per il prossimo anno. Un solo suggerimento: se poteste scegliere un mese meno problematico di agosto per dare avvio a un concorso, sarebbe forse meglio. Ma si sa, l'Italia ha una lunga esperienza e tradizione di concorsi pubblici banditi proprio in questo periodo dell'anno. E non c'è motivo per interrompere le buone tradizioni.
Cordiali saluti, e buon lavoro.


In attesa della solita improbabile risposta, mi sorge il dubbio di aver preso un granchio: non avrei dovuto aspettare le vacanze per pensare la mia vignetta. Ci sono sempre i permessi per malattia. Ma se uno è malato, dico io, e non ha le forze per andare in ufficio, come può averle per realizzare un’opera che richiede creatività? E allora che vada in ufficio a lavorare. Ma se il Ministro Brunetta dice che va bene così….
A pensarci bene non mi rimane che l’ultima delle possibilità: la pausa pranzo. Manco a dirlo, mangio da mia mamma. Lo confesso, sono colpevole: fannullone e anche bamboccione. La cosa importante? Che i politici italiani la smettano di appiccicarci addosso soltanto aggettivi che finiscono pericolosamente per one. Riusciranno mai a farlo?

Commenti

silvio ha detto…
MALGOVERNO NELLA P:A:in quel di Castelraimondo serve maggiore vigilanza e controllo sul territorio.Dal febbraio 2002 l’amministrazione comunale tiene,illegittimamente demansionato,estromesso,eliminato dall’ufficio il comandante dei vv.uu;(uno dei quattro dipendenti comunali laureati,di ottima condotta morale e civile,incensurato,senza alcun procedimento penale o giudiziario a carico),sostanzialmente senza fare quasi niente,a spese del contribuente.(Vedere sentenza immediatamente esecutiva,in internet,alla voce DEMANSIONAMENTO CAMERINO)

Post popolari in questo blog

Gianrico Carofiglio

Regole utili e regole inutili

Antonio Caprarica