Shakespeare e il Grande Fraintendimento

Lo spunto viene da un link a un articolo che contiene un link a un altro articolo. Giochi di scatole cinesi.
Ricapitoliamo. Lui arriva alla stazione, vuole comunicare alla sua fidanzata che le manca davvero tanto, scova una citazione di Shakespeare e gliela invia per sms. (Ok, anche Michele di In prima persona l'avrebbe fatto, ma senza bisogno di scovare un bel niente: lui le citazioni le ricorda a memoria). Lei riceve il messaggio, non riconosce un passo di Romeo e Giulietta (sì, ma anche tu: non potevi scegliere un'altra tragedia? Con tutto quel che ha scritto il Bardo, quella è una delle più scialbe), crede che l'amato voglia suicidarsi e chiama la Polizia. Bravi tutti e due.
Da qui nasce una considerazione contenuta in un secondo link: se volete far innamorare una donna, non usate Shakespeare ma Moccia.
Il tono è volutamente provocatorio, però mi fa venire in mente un po' di cose sparse:
- non date le perle ai porci: si aspettano Moccia e non Shakespeare? Gli si dia Moccia, un po' come i croissant di regal francese memoria.
- non è obbligatorio dare niente a nessuno, che siano perle, porci, annessi o connessi: si può anche stare zitti e non dire, o scrivere, nulla. Ho messo questa frase in bacheca ben in vista di fronte a me.
- non conta il contenuto, anche quando è Shakespeare, ma l'aspetto mediatico o, spesso, conta il contenitore;
- troppe persone si aspettano che gli scrittori siano in primo luogo personaggi o vati, hanno bisogno di ricevere il Verbo, sono in attesa del Messaggio (non necessariamente di un sms) e lo apprezzano anche se liofilizzato in una citazione. Sono loro lo zoccolo duro del consumismo letterario. Fanno fare i soldi. Sono utili e hanno quel che qualcuno gli ha detto che vogliono, si accontentano e sono felici. Per molti è sufficiente.
Al di là (e nonostante) gli estimatori della banalità fatta professionismo, la regola dovrebbe (dovrebbe) essere semplice: gli scrittori non sono Personaggi, Vati o Divulgatori del Messaggio. Lo scrittore fa altro: intrattiene e, al contempo, propone situazioni, considerazioni ed emozioni nelle quali ci si può specchiare, trovare conferme, opposizioni o discordanze. Il resto è da cercare nei Testi Sacri, Shakespeare compreso. Questo è il Grande Fraintendimento.
Se poi gli scrittori sono anche Personaggi, Vati o Divulgatori del Messaggio... ben venga, ma è un plusvalore, non un prerequisito.
Quindi non deve stupire se Shakespeare è buono soltanto per una citazione che rischia di generare un dramma, se Moccia è maggiormente in linea con la filosofia del mondo, se il sistema genera sempre nuovi Vati o Attendenti Tali, se la discussione può ridursi a "è nato prima chi è in attesa di un messaggio o chi è messo lì per dargliene uno preconfezionato?".
Ma poi, alla fine, la cosa che mette più tristezza è che, senza affidarsi a qualcun altro, non siamo neppure in grado di scrivere un breve messaggio a una donna, anche solo un "mi manchi" o "sono qui per te" che non entreranno negli elenchi pubblicati dai siti di aforismi ma che illuminano, se sinceri, con la loro disarmante originalità.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gianrico Carofiglio

Regole utili e regole inutili

Antonio Caprarica